La ripresa del servizio civile alla Cascina Bargè

Dopo il lungo periodo di lockdown, finalmente il 24 giugno 2020 ho ripreso a svolgere il servizio civile presso il centro diurno per disabili Cascina Bargè. Appena arrivata sono stata accolta dagli operatori con molto entusiasmo e ci siamo salutati “con il gomito”.

Il mio primo incarico è stato il lavoro nell’orto: l’educatore Giovanni mi aspettava per svolgere i molti lavori stagionali rimasti in sospeso. Insieme ci siamo occupati di togliere le piante di verdura che ormai non producevano più e poi abbiamo preparato il terreno per la semina. Nei giorni successivi abbiamo piantato nuovi tipi di ortaggi e poi ci siamo presi cura della verdura che era stata seminata in precedenza. In questo primo periodo i nostri ospiti non erano ancora presenti; insieme agli operatori ci siamo dedicati alla programmazione per consentire il loro rientro in piena sicurezza, seguendo anche un corso approfondito sulle norme di prevenzione del contagio Covid e sull’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale. Dopo tanta attesa è arrivata la bella notizia della ripresa delle attività dei ragazzi: il giorno 20 luglio 2020 la maggior parte di loro ha ricominciato a frequentare il centro diurno, anche se con orario ridotto, solo per la mattinata. Al loro arrivo ci siamo salutati con gioia, anche se abbiamo dovuto limitare la vicinanza e il contatto fisico, come imposto dalle regole di sicurezza… ma è stato così bello perché si leggeva nei loro occhi la felicità del ritrovarsi insieme! Da quel giorno la mia responsabile Elena mi ha affidato in modo particolare i trasporti dei ragazzi. La mia giornata incomincia alle 8: arrivo in cascina, effettuo il necessario il triage e poi vado alla stazione delle autocorriere a vigilare l’arrivo dei ragazzi. Alcuni di loro arrivano con i bus cittadini, mentre altri giungono con i bus extraurbani. In allegria formiamo un gruppetto e aspettiamo che arrivi l’autobus n°7 in partenza alle 8.35 che porterà i ragazzi in Cascina. Al mio ritorno in struttura ho il compito di sanificare l’auto e igienizzare tutto ciò che viene utilizzato; mi occupo anche del rifornimento della benzina dei vari automezzi quando necessario. Terminati questi compiti organizzativi, per me inizia l’attività principale che svolgo insieme ai ragazzi: l’orticoltura. In questo periodo abbiamo seminato e coltivato vari tipi di ortaggi: zucchini, fagiolini, verze, finocchi, spinaci, insalata e zucche. Quotidianamente, con impegno e pazienza, innaffiamo, rimuoviamo l’erba in eccesso e aspettiamo la loro crescita. Trascorso il tempo necessario arriva il momento della raccolta: ad ogni ospite consegnamo parte del raccolto da portare a casa per la loro famiglia. E’ il frutto del loro lavoro! La mattina volge al termine: intorno alle 11.30 i ragazzi iniziano a prepararsi per il rientro a casa. Alcuni genitori vengono a prendere i figli al Centro, mentre altri ragazzi devono essere accompagnati a casa dagli operatori. Io mi occupo in particolare del trasporto di Francesca, una ragazza che abita fuori città; alle 12 la accompagno alla stazione delle autocorriere e le faccio compagnia finchè non è ora di salire sul bus. La mia giornata termina alle 12.30 con questo ultimo servizio. Spero che presto venga consentito l’ampliamento del servizio, aggiungendo la mensa e le attività pomeridiane: i ragazzi amano la vita al Centro e sarebbero felici di trascorrere con gli amici l’intera giornata.

VERCELLI GIOVANI

VERCELLI GIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
INFORMAGIOVANI

INFORMAGIOVANI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
tel. 0161 596 800
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

ORARI
Lunedì 9.30-12.30
Mercoledì 14-17
Venerdì 9.30-12.30
SERVIZIOCIVILEVERCELLI

SERVIZIOCIVILEVERCELLI

P.zza Municipio, 3 Vercelli
Tel. 0161 596 608
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.